Homepage

Benvenuto nel sito web dedicato al libro:


Maghi, indovini, ciarlatani di ogni sorta si affannano da sempre nel tentativo di predire quello che accadrà. I risultati di questo sforzo secolare sono assai deludenti. Ma è davvero impossibile prevedere il futuro? Si può affrontare in modo scientifico il tema delle predizioni?

Non lasciatevi ingannare: questo non è il solito libro dei soliti scienziati che ci spiegano che non è possibile prevedere il futuro e che tutti i tentativi, dalla cartomanzia alle previsioni dei terremoti, sono inevitabilmente destinati a fallire. Al contrario, è un libro in cui si parte proprio dall’idea che prevedere il futuro non solo è possibile ma è, da diversi secoli, l’attività principale degli scienziati, in particolare dei fisici.
Insieme scopriremo quali sono le predizioni che funzionano bene (eclissi, traiettoria dei proiettili…), quelle che funzionano così così (maree, meteorologia…) e quelle che non funzionano affatto (terremoti, mercati finanziari…) e, soprattutto, scopriremo il perché di questa diversa capacità di successo. Il segreto si annida nei più nascosti meandri della fisica moderna: dalla teoria del caos alla meccanica statistica dei sistemi fuori dall’equilibrio, passando per l’indeterminazione della meccanica quantistica.

Gli autori

Luca Gammaitoni è professore ordinario di Fisica sperimentale all’Università degli Studi di Perugia e direttore del Noise in Physical Systems (NiPS) Laboratory della stessa Università. 
Si interessa di fenomeni casuali, fluttuazioni, rumore. Insegna Fisica dell’Energia, Elettromagnetismo e Fisica dei Dispositivi.
Ha pubblicato numerosi articoli scientifici e alcuni articoli divulgativi.

Angelo Vulpiani è professore ordinario di Fisica Teorica all’Università di Roma, La Sapienza. 
Si interessa di Meccanica Statistica, Teoria della Probabilità e Fisica dei sistemi Complessi. Insegna Meccanica Statistica di Non Equilibrio e Modelli e Metodi Matematici della Fisica.
Ha pubblicato numerosi articoli scientifici e testi di divulgazione.

Incontri pubblici